La nostra galleria di opere d'arte Gli artisti che espongono in questo sito Le principali tecniche applicate
Le opere che potete acquistare online facendo la vostra offerta
Come contattare Gallery Lady
Cerca nel sito
Home PageArchivio notizieL'arte in Tv?
Notizie d'Arte
18 gennaio 2005
L'arte in tv? E' unita nell'ulivo
Quante volte ci si è interrogati sul valore sociale dell'arte? Beh, ecco un caso in cui la risposta viene da sé e la politica, per fortuna o putroppo, stavolta non c'entra. Durante l'edizione serale del TG2 del 18 gennaio 2005 è andato in onda un ficcante servizio di Angelo Figorilli su un problema per la verità non nuovo al quale però spesso non è data la necessaria rilevanza. Da qualche anno è invalsa la moda di decorare giardini e villette del nord Italia di splendidi ulivi secolari. Quale sia l'origine di queste piante è facile intuire. Il giornalista documenta un giro d'affari poco leciti in aumento, contro il quale pochi enti pubblici hanno fatto qualcosa di concreto.
Vittima del fenomeno è il paesaggio del nostro splendido sud, Puglia e Calabria in testa, dal quale spariscono ulivi antichissimi, estirpati dal territorio dov'erano nati magari al tempo di Carlo Magno.
Per documentare e commentare il servizio telegiornalistico è stato scelto intelligentemente un suggestivo e illuminante video di Enrico Minato, giovane artista concettuale veneto particolarmente sensibile alle problematiche ambientaliste e sociali, proprio per questo spesso attivo fuori dai normali canali del mercato istituzionale eppure intensamente impegnato in iniziative, performance e mostre, sia in Italia che all'estero.
Realizzato nel 2004, Trapianti è un lavoro nel quale antichi ulivi sono stati ripresi in un vivaio collocato in un'anonima località periferica del Veneto. In primo piano gli alberi, sottotitolati con i nomi di personaggi biblici, Elia, Samuele, Davide, l'età approssimativa, 1050, 1100, 1300, e la provenienza, Lecce, Taranto, Brindisi. Dietro, nell'indifferenza, scorre il traffico di tutti i giorni.
E' questo infatti il destino delle povere piante; trasportate al nord, sempre più spesso le si ritrova allineate dentro ai vasi di plastica, lungo le strade di percorrenza, per essere venduti al dettaglio. I prezzi sono cresciuti: da 1.500-2.000 euro di qualche anno fa agli attuali 7.500, fino ai 10.000. Affari non da poco fatti sulle millenarie spalle degli splendidi vegetali. Cittadini e ambientalisti denunciano, nascono associazioni come il Comitato per la Salvaguardia degli Olivi Secolari di Puglia di Gianni Picella, illustri personaggi perorano la causa. E tra gli artisti, anche Mimmo Jodice ha fatto da testimonial alle iniziative di sensibilizzazione.
E chissà che l'arte non possa dare una mano a fermare questo ennesimo scempio del Belpaese.

Alfredo Sigolo, www.exibart.com
 
Gallery Lady - Condizioni di vendita e Privacy policy - Glossario Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Credits